Employee advocacy

Discussione in 'Social Media Marketing' iniziata da vickie miner, 15 Aprile 2017.

  1. vickie miner

    vickie miner Nuovo Utente

    Registrato:
    15 Aprile 2017
    Messaggi:
    1
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    Punteggio:
    1
    Sesso:
    Femmina
    Avete qualche consiglio per una strategia di employee advocacy?
     
    Ultima modifica: 16 Aprile 2017
  2. MarkWeb

    MarkWeb Nuovo Utente

    Registrato:
    25 Luglio 2018
    Messaggi:
    14
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    Punteggio:
    1
    Home Page:
    So che questo post è un po' datato, ma vorrei risponderti comunque perchè penso sia un argomento molto interessante, spero non sia un problema!

    (Magari può tornare utile a qualcuno!;))

    Un piano di employee advocacy (coinvolgimento diretto dei dipendenti nel sostenere la propria azienda) ha bisogno di tre componenti:

    - Strategia: dobbiamo avere degli obbiettivi e degli strumenti per misurare i nostri progressi attraverso di essi;
    - Sostenibilità: deve essere pensato per il lungo termine, supportato dal management e costantemente alimentato;
    - Natura Organica: l'advocacy deve essere ispirata, non ordinata, è importante che i dipendenti la scelgano volontariamente;

    Possiamo riconescere l'employee advocacy quando i nostri dipendenti parlano di lavoro e dell'azienda ad eventi o comunque fuori dal contesto lavorativo, in qualunque passaparola che parte dai dipendenti verso l'esterno dell'organizzazione.

    Immagino che quando tu chiedi una strategia per l'employee advocacy tu ti riferisca a una strategia per i social media: oggigiorno infatti i social giocano un ruolo fondamentale in questo tipo di piano!

    I tre obbiettivi principali dell'advocacy dovrebbero essere solitamente creare conoscenza del brand e contribuire alla sua identità, raggiungere possibili nuovi clienti e soprattutto attrarre nuovi dipendenti.
    Un dipendente che condivide un post su un social riguardo alla propria azienda è percepito come più autentico rispetto ad un post condiviso dall'azienda stesa e creerà più engagement e un numero di visite maggiori, più attenzione verso il brand quindi!
    La presenza sui social è fondamentale per aiutare i compratori nelle decisioni d'acquisto, sono uno strumento di supporto fondamentale, anche nel B2B. è molto più probabile che un'azienda con un'alta advocacy tenda ad attrarre più talenti qualificati al processo di assunzione.

    Per definire i tuoi obbiettivi scegli dei fattori misurabili che siano quelli su cui l'employee advocacy ha impatto. Degli esempi potrebbero essere: aumentare i followers su un social aziendale di X; aumenta l'egnagement di Y, le visite al sito web di Z, ecc..

    Crea le basi per rendere possibile che la comunicazione avvenga: permetti ai tuoi dipendenti di comunicare al proprio seguito determinati contenuti relativi all'azienda (quali informazioni si possono postare, che immagini, cosa non va postato, ecc..). Definisci quindi cosa è possibile fare e cosa no: si può postare un Instagram Story sui colleghi in pausa pranzo, ma non si può postare su Facebook il nome di un certo cliente, ad esempio.

    Fai in modo che il management sia di esempio per i dipendenti, che coloro i quali ne fanno parte siano i primi a eseguire azioni di advocacy sui social, per creare delle linee guida pratiche sul come fare e mantenerli motivati allo stesso tempo.

    Individua chi dei dipendenti ha maggior manualità con i social, un'estetica più accattivante, un maggiore seguito e migliori strumenti per comunicare con i followers: loro saranno i tuoi migliori canili di diffusione fuori dall'azienda!

    Per rendere l'advocacy a lungo termine devi fornire ai tuoi dipendenti qualcosa da condividere volontariamente, motivazione ed ispirazione sono fondamentali!

    I social sono un ambiente sempre più competitivo e raggiungere un alto numero di utenti più essere complesso. Le condivisioni da parte dei dipendenti sono la via migliore per aumentare le "impressions" organiche alla tua azienda.
    Non tutti sono nati per utilizzare i social, ma programmi come questi permettono anche ai meno abituati alla vita virtuale a migliorare le loro abilità, che può tornare utile per la loro carriera professionale.

    Infine vorrei darti alcuni consigli su come ottimizzare la tua strategia di advocacy, alcuni dati utili da sapere per attuarla al meglio diciamo.

    - ricorda che i così detti Millennials e i Generation X sono i più inclini all'utilizzo dei social per l'advocacy (20 -35 anni);
    - la condivisione di contenuti relativi al lavoro sui social giornalmente indica una grande passione per il lavoro;
    - la ragione principale per cui i dipendenti postano sui social è aumentare il following dell'azienda;
    - eventi aziendali, cene/pranzi/festività in ufficio, particolari attività specifiche, filantropia e serivizi alla comunità sono alcune delle ragioni che spingono a pubblicare e a diffondere il nome dell'azienda sui social per la maggior parte;

    Spero davvero di esserti stato utile e scusa se mi sono dilungato un po'! :D
     

Condividi questa Pagina